La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition) book. Happy reading La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF La chiesa perduta. La vicenda della chiesa di San Matteo in Teramo (Italian Edition) Pocket Guide.

Contents

  1. Foundations for a European Legal System
  2. Menu di navigazione
  3. European Academy of Religion Annual Conference Full Schedule
  4. The Laws of Late Medieval Italy (1000-1500)

Zagreb Cambi, Antika, Zagreb XI, Budapest , Radan, Budapest Hoffiller — B. XIX, Zagreb , Glava djevojke nr. Zagreb — Petrinjska ul. Scarre, Cronicle of the Roman emperors, London Siscia: V — The towns, settlements and topography of the northern Adriatic, eastern Alpine and western Balkan regions, Situla, vol. Fifteen years ago an unknown severely damaged marble portrait head of a bearded male was found in a group of Roman stone monuments kept in the yard depository of the Archaeological museum in Zagreb.

No traces of an inventory number were recognized, but its provenance — Sisak — was noted twice. It is not known under what circumstances or when it arrived to the Zagreb Museum. The height of the head is 32,5 cm or 33 cm including the preserved part of the neck, which means it was of slightly larger than life size.

Certain characteristic features of physiognomy are preserved, although the right side of the face, forehead and the front part of the vertex were broken off, allowing the suggested attribution of the portrait to the first Severan emperor, Septimius Severus, who has left his imprint from Mesopotamia to Britain, and, in a special way, in Pannonia, including Siscia.

Although he was of North African ancestry, born in the Tripolis metropolis Leptis Magna, his stay in Pannonia was of a special importance for his career. He was a legate Legatus Augusti pro praetore of Upper Pannonia in Carnuntum, the metropolis of Upper Pannonia on the Danubian limes, and following the murder of Pertinax he was proclaimed emperor by the Danubian legions.

He was very popular in the army, and his faithful legions followed him to the final victory in confrontations with other claimants to the throne and in his wars with the Parthian Empire. It seems that he visited Siscia during his return from the second victorious war with the Parthians, while visiting Pannonia with his imperial entourage in This event could not have passed unnoticed.

The position of Siscia is unique for a number of reasons. It was located in the south-western part of the Pannonian plain near the Dalmatian border and it lay on three rivers, two of them, the Sava Savus and Kupa Colapis , being navigable. It was located on the left bank of the Kupa, near its confluence with the Sava, at a location where the Sava changes its course continuing towards the Danube in an eastern direction.

In the vicinity of Siscia, on the opposite, right bank of the Kupa, most probably on the site of Pogorelec, there was a Celtic Iron Age settlement of Segestica, captured and destroyed by Octavianus in 35 BC. Its name thenceforth appears very rarely, while Siscia was becoming an important urban centre of Upper Pannonia as well as an important administrative, industrial, trade, craft, and traffic both riverine and land centre; it also became one.

The town had, it seems, two harbours, and in it were the headquarters of the Pannonian fleet classis Flavia Pannonica , significant for connecting the most important harbours on the Sava, Siscia and Sirmium. It was also the period of its prodigious development. The town expanded onto the right bank of the Kupa during the period of increased urbanisation which it shared with other Pannonian regions and the Empire in general. Old urban features were being rebuilt, new ones constructed walls, baths, etc. All this was reflected in the development of road network, construction of bridges, etc.

Parallel to this construction activity the trade was developing, and the flourishing is recognisable in various crafts, but also in spiritual life and cultural and artistic development in general. This atmosphere should have yielded monuments erected for Septimius Severus and his family, especially his sons Caracalla and Geta, and his wife Julia Domna.

There are some epigraphic testimonies, but hitherto no statues or busts were found, although Septimius Severus, after a certain hiatus, renewed the impetus of imperial propaganda. It should thus be supposed that such monuments were erected in Siscia, either individual or in groups, since the emperor conferred upon Siscia the epithet of a Septimian colony. I have discussed in passing the fragmented marble portrait from Sisak on two occasions — at conferences in Pula and Udine, while the paper was also published in the proceedings.

Notwithstanding the most probably intentional damaging — it could be supposed that the Sisak portrait was intentionally damaged in Early Christian period — it seems that the identification of the portrayal should not be in any doubt. It possesses the most typical physiognomic features characteristic for the iconography of Septimius Severus: curly hair and beard with moustaches.

However, one should not disregard that the portraits of several emperors of the Antonine dynasty Antoninus Pius, Marcus Aurelius, Commodus, etc. On the Sisak head, however, the form of oblong, somewhat elongated ascetic face can be discerned. A high forehead is also recognisable, while the hairstyle highlighted locks on both sides of the face suggests the one popular in the Antonine age.

A segment of an opened left eye is also preserved, with an emphasized upper eyelid and an eyebrow, as well as a segment of closed mouth with an. The nose is completely broken off while the moustaches are much worn. Both ears, meticulously fashioned, are preserved. They are both uncovered the curly locks do not cover them ; the hair is carefully combed on the vortex and much worn on the back of the head.

Short wavy locks are arranged in vertical lines on the sides, directed towards the face, approximately on the eye level. The sideburns are wide and in low relief and they adjoin the beard that is cut in low crescent-shaped incisions. The beard is bifurcated near the end by a short parting in the middle. Daltrop has divided the portraits of Septimius into 5 different types, and both previously mentioned types differ from the others primarily in the rendering of the ears. In both types the ears are completely visible and free, while in all other types they are partly or completely covered by hair.

A certain difficulty is presented by the beard type, but this should not affect the determination. Variations are certainly possible, including the combinations of elements that appear on different types. Initial lines, where her name was mentioned, eroded during time. It is clear that the inscription with the statue? Taking into account several other figural statues from Siscia, in the first place the wellknown female head believed to represent a priestess of Isis lately interpreted as a portrait of an unknown woman created in the Antonine period , which is the earliest and arguably the best portrait to be found in northern Croatia, it should be presumed that the Siscia workshops in the 2nd half of the 2nd c.

La chiesa di S. Maria costruita in Baia della Madonna, vicino l'abitato tardoantico, nel V secolo, come chiesa con una sola navata, senza abside, contemporanea quindi a quella preeeufrasiana di Parenzo come pure della chiesa di Nesactium e del primo strato della cattedrale di Pola. Nell'area del castellum sono stati scoperti frammenti di pietra in stile tardoantico con motivi vegetali, attribuiti alla prima fase della chiesa di S.

Maria e che di seguito vennero smontate durante la ristrutturazione bizantina e poi reimpiegate nel castellum. La ristrutturazione della chiesa di S. Grazie agli studi del prof V. P Goss — nella chiesa di S. Maria e sugli edifici religiosi ubicati sulla costa orientale adriatica, sono entrata in possesso di rilevanti informazioni che mi hanno aiutato nella ricerca.

L'arcipelago delle Brioni ha avuto un'importanza strategica come meta di navigazione della parte occidentale della penisola istriana, come via navale verso Ravenna. Le proporzioni sono molto eleganti, infatti le stesse sono usate per il Partenone. La chiesa e costruita in sectio aurea sia nella parte esterna che nella divisione dell'interno.

Le due lesene della facciata fiancheggiano l'ingresso centrale, mentre le altre due si trovano sugli spigoli dell'allungamento dei muri laterali. Solo le lesene che fiancheggiano l'ingresso principale hanno 9 piedi romani di distanza. Il ritrovamento di una transenna di pietra nell'area della basilica dimostra che le finestre erano chiuse da transenne, nelle quali erano inseriti vetri.

Le altre finestre sul muro settentrionale e meridionale, e la parte di frontone ornamentale sopra l'entrata principale sul muro occidentale, dimostrano che la chiesa era coperta da un unico tetto, a due spioventi, come le chiese a navata unica. All'interno della chiesa due file di colonne monolitiche dividono lo spazio nella navata centrale. Le colonne, dalle dimensioni cca. Sotto gli archi c'era la galleria matronei. Sono state trovate piccole colonne poligonali, di 25 cm di diametro, della galleria. Nella posizione della sesta colonna sono introdotti dei pilastri cruciformi, che sorreggono l'arco di trionfo.

L'arco poggia sulle colonne con capitelli leggermente distaccati dalla superficie del muro. I capitelli sono uguali a tutti e quattro i lati, mentre nella parte. Le ultime colonne, che si trovano nello spazio dell'altare, sono di altezza maggiore, con capitelli a due zone innovazione bizantina , di marmo proconnesio. L'area presbiterale era elevata di 0,5 m sopra il livello della chiesa. Nella parte media dei capitelli si trova una croce greca, con aggiunta del monogramma di Cristo dentro un medaglione a doppi bordi crux coronata , identico su tutti e quattro lati del capitello.

Un terzo intervento nella chiesa di S. Necessari sono gli scavi archeologici sotto il pavimento della basilica. Numerosi sono i frammenti dell'inventario in pietra: lapidi della pergola, colonne, parti di finestre, colonne decorate con croce, transenne ecc. Nella rinnovazione del periodo bizantino sono stati cambiati gli epistili dell'ingresso principale e laterale, le lastre e le colonne della transenna dell'altare.

Gli epistili ritrovati nel castellum erano decorati con motivi vegetali: 1. Altri frammenti di pietra: 3. Parte di colonna monolitica, dimensioni cm, altezza 32 cm; 9. Parte di colonna poligonale, con diametro cm, altezza 91 cm; Le decorazioni lapidee rinvenute appartengono alla prima fase della basilica di S.

Nel castellum sono trovati anelli di bronzo fuso o in lamina bronzea e recanti una piastra ovale, decorati con semplici incisioni formanti il motivo a croce. Si tratta ad es. Questo tipo di anelli rientra nel gruppo degli oggetti d'ornamento del periodo tardoantico-paleobizantino.

Le fortificazioni sono evidentemente state costruite in due fasi — la zona inferiore porta delle caratteristiche del V secolo. Le attestazioni archeologiche attualmente disponibili permettono di identificare la chiesa di S. Sulla Tavola Peutingeriana invece questo gruppo di isole viene indicato come Pullariae. I reperti messi in luce furono pubblicati per la prima volta da B. Maria, indica il tratto del castellum appartenuto al vescovo.

Al momento del ritrovamento gli elementi in questione furono reimpiegati, alcuni di loro incorporati nelle costruzioni successive. I tre, dopo un anno trascorso nelle prigioni, abiurarono lo scisma e. III, p. Il terzo riferimento a Vindemius si ha nella documentazione relativa al sinodo di Marano del Nella documentazione preservata del Concilio Lateranense si legge che la chiesa di Ursinus si trovava in Histria. Infatti, il toponimo Brevona comparve per la prima volta in epoca medievale con la dicitura Insula Brevoni nello Statuto cittadino di Pola.

In ambedue i casi i vani presentano una distribuzione ortogonale seguendo i canoni classici della tradizione romana. Durante il dominio bizantino la costruzione fu ampliata. Accanto alla chiesa manca il battistero, principale spazio di ogni chiesa vescovile, che tuttavia si trovava nella baia di Verighe, nel tratto ristrutturato delle terme della villa marittima.

Sui fondali della baia di Val Catena fu trovato un pregiato vaso di colore rosso, decorato da una croce greca al centro del fondo. Maria e in frigidarium in Val Catena. Il castellum del primo periodo bizantino, infatti, venne ridotto ad un centro militare ed ecclesiastico, mantenuto in funzione degli interessi imperiali e non di quelli locali. Tassaux , p. Mlakar , pp. Marije i samostan — faze izgradnje, Izdanja I.

Schrunk , The Brioni Islands, Zagreb. Tutek , The Church of St. Bezeczky , The Laecanius amphora stamps and the villas of Brijuni, Wien. Brogiolo ed A. Burns, J. Caillet, M. Chevalier, I. Casey , Justinian, the limitanei, and Arab-Byzantine relations in the 6th c. XIX, Cuscito , Cristianesimo antico ad Aquileia ed in Istria, Trieste.

Cuscito , La fede calcedonese e i concili di Grado Duval, E. Marin, C. Farioli Campati, C. Rizzardi, P. Porta, A. Augenti, I. Baldini Lippolis edd , Ideologia e cultura artistica tra Adriatico e Mediterraneo orientale IV-X secolo : il ruolo dell'autorita ecclesiastica alla luce di nuovi scavi e ricerce, Atti del Convegno Internazionale Bologna-Ravenna.

Dyggve , History of Salonitan Christianity, Oslo. Frankovich, R. Gerber , Altchristliche kultbauten Istriens und Dalmatiens, Dresden. Gerber , Forschungen in Salona, Wien. Central-Kommission fur Denkmalpflege V, Wien, Gri , Ranosrednjevjekovna crkvena arhitektura i skulptura otoka Veliki Brioni, diplomski rad, Pula. Kirigin, E. Marta , Tecnica costruttiva a Roma nel medioevo, Roma.

Mirabela Roberti , Notizario Archeologice, Atti, vol. Mirabella Roberti , Il duomo di Pola, Pula. Mlakar , Brioni, Uprava Brionskih otoka, Pula. Mlakar , Fortifikacijska arhitektura na otoku Brioni. Schrunk, V. Starac , Carski posjedi u Histriji, Opuscula Archaeologica 18, pp Giardina ed. Le merci, gli insediamenti, Roma. Vicelja , Istra i Bizant, Rijeka. The wearing by women of large jewelry arrangements has been characteristic of eastern Mediterranean civilizations since ancient times.

This paper focuses on the meanings and impact of the Palmyrian female funerary sculpture with jewelry arrangements. The author argues that it is most plausible that these representations of Palmyrian women reflect the belief of the patron in Ishtar, a major goddess of Palmyra. The goddess takes with her the seven divine powers — seven pieces of jewelry — and then hands them over at each of the seven gates to the Netherworld.

Then, naked and dispossessed of her powers, she dies, only to be resurrected later. The sculptures of the deceased women of Palmyra, with their rich sets of jewelry, reflect a visual perception that is very similar to the jewelry of Ishtar. Perceptions of jewelry as a totality continued to exist in the East, where it apparently underwent a change from a ritual of the goddesses to representations of ByzantineChristian empresses. It is also possible to detect a resemblance between the systems of head covering, the necklaces interwoven with chains, and the bracelets from Palmyra, and the Berber jewelry of Jewish women in North Africa.

This resemblance between the jewelry in Palmyra and the sets of jewelry of the empresses of Byzantium on the one hand, and the appearance of a similar item of jewelry as part of the ceremonial costume of women in the Berber and Jewish communities surviving into modern times on the other hand, is a fascinating phenomenon. The wearing by women of large jewelry arrangements, comprising chest, head, wrist, and finger elements, has been characteristic of eastern Mediterranean civilizations since ancient times. This paper focuses on one important source of this tradition — the meanings and impact of the Palmyrian female funerary sculpture with jewelry arrangements.

Among the vast quantity of Palmyrian funerary sculpture created between the first and third century AD, female images are depicted in various manners. Some are presented with a veil and draped in the Roman manner, with significant hand gestures, holding the spindle and distaff, while others wear rich sets of head and chest jewelry with bracelets and rings.

A comparison reveals a significant difference between the visual perceptions of these two centers. The Roman women wear one or two necklaces, but not complete sets of jewelry. The Various Groups of Funerary Female Portraits in Palmyra and the Group of Women Wearing Jewelry The Palmyrian funerary portraits, scattered today in museums throughout the world, constitute a large corpus of stone sculptures created over a period of more than two hundred years, between the first and third centuries AD, during the flourishing of that city in the period of the Roman Empire.

The figures don a turban, topped with a scarf that falls onto the shoulders, with only a few locks of the hair revealed. The head covering displays a variety of jewels. It should be noted that in the East the head covering constitutes an integral part of the overall costume, while in the West it appears among the Vestal priestesses, worn during special rituals.

Women holding these implements also appear on many Roman tombstones, alongside inscriptions noting that the deceased had diligently managed the household and also engaged in weaving. I would contend, however, that in Palmyra the intention was different. Weaving was perceived in Greek culture as the work of Clotho the spinning fate, one of the three Fate Goddesses the three Moirai, or Moirae , and thus also already in Assyrian culture. Consequently, I consider it possible to assume that this image of the deceased represents her address to the goddesses, who determine the fate of humankind, to determine her good fate in the world beyond Fate Goddesses.

Courtesy, Dick Osseman, Amsterdam.

Foundations for a European Legal System

This group depicts women wearing extensive sets of jewelry — on the head, chest, wrists, and fingers. In contrast to studies devoted to specific aspects and meanings of the female funerary portraits in Palmyra as such, the significance of the clothing of different classes, or the hand gestures of the deceased, which have also been interpreted symbolically, and the images of the jewelry sets depicted on these funereal sculptures have been mainly studied from their formal aspect of patterns and models, but not in regard to their meaning.

As noted above, the wearing of jewelry was also suggested as reflecting social status. Her face is broad, and above her hair, of which only the ends are seen, parted in the center and combed to either side of the head, there is a decorated ribbon. Above it is a kerchief encircling her head a number of times, and above this a veil, folded and descending to her shoulders. Beneath the kerchief encircling her head and above the ribbon are two chains in a half-circle. The woman is wearing earrings, and in her left hand now broken she appears to be clasping the train of the veil.

She is attired in a blouse and wears four different necklaces, while a necklace of small beads encircles her neck. A round decorated fibula secures her upper tunic on the left side, and on her left arm she wears a decorative bracelet. Another portrait of a Palmyrian woman Ny Carlsberg Glyptotek, Copenhagen displays a similar jewelry scheme, including head and breast ornaments fashioned as individual items.

On her head, in place of the decorative ribbon, is an ornate chain with an oval frame in its center, apparently once holding a precious stone. This frame is repeated as a brooch pinning the kerchief that functions as a turban, with the additional veil above it.

This lady has seven chains on her breast, several of which are composed of individual circles which once held stones. The outermost chain incorporates two medallions engraved with male images. On the upper left part of her breast she wears a round fibula brooch. Her right hand rests in front of her, while in her left hand she holds the train of the kerchief. On both arms she wears two pairs of decorative bracelets, one round and the other broad and conical. She wears a ring on the little finger of her left hand.

Courtesy of Copenhagen, Ny Carlsberg Glyptotek. Possible formal and literary-ritual sources Formal sources: It seems to me that the sets of jewelry, sculpted as part of the female image of dozens of Palmyrian funerary portrait sculptures, engage in a dialogue with formal and mythological traditions. These formal traditions apparently continued the early Phoenician traditions and perhaps even those of a still earlier period. Their heads feature special jeweled head coverings, rare elements in Greek sculpture of the time.

It would seem that in relating to this tradition, the sculptures reflect a clear and strong awareness of local identity, even if use is sometimes made of specific components of the Roman or Persian vocabulary of forms. Literary-ritual sources: I would like to contend that the women's funerary portraits with the represented sets of jewelry express the belief of their patronesses or patrons in Ishtar — very close to Inana — who was venerated in Palmyra,13 and in her myth.

Scholars of the Palmyrian pantheon concur that the cult of Ishtar, which seems to be very similar to that of Inana, was introduced during an earlier period from Sumerian Babylon to Palmyra, and accept the assumption that already in the epic tale of Gilgamesh there was a syncretism between these two goddesses. The similar Babylonian myth of the goddess Ishtar also portrays her descent into the Netherworld and what followed. Researchers noting certain differences between these two epics, note also much similarity. The following section depicts the preparations by Inana for her descent into the Netherworld.

A clear picture arises of her jewelry set, some pieces of which are given seductive names and thus perhaps refer to the fertility ritual connected with these goddesses. She took the seven divine powers. She collected the divine powers and grasped them in her hand. With the good divine powers, she went on her way. She put a turban, headgear for the open country, on her head. She took a wig for her forehead. She hung small lapis-lazuli beads around her neck.

She placed twin egg-shaped beads on her breast. She covered her body with a pala dress, the garment of ladyship. She placed a golden ring on her hand. She held the lapis-lazuli measuring rod and measuring line in her hand. Inana travelled towards the underworld. Her minister Nincubura travelled behind her. The reference to the jewelry adorning the goddess' limbs establishes them as divine items in her attire: the crown encircling her head, the earrings, the necklace around her neck, the beads on her breast, the breast jewel calling the man to come, the bracelets, and only then the mention of the dress and cloak.

All the noted jewelry here also appears on the women's funerary portrait sculptures at Palmyra. I argue that it is most plausible that these representations of Palmyrian women wearing rich sets of jewelry reflect the belief of the patron in Ishtar, a major goddess of Palmyra. In both epics the goddess takes with her the seven divine powers — seven pieces of jewelry — and then hands over one piece after the other at each of the seven gates to the Netherworld.

In the literature discussing the descent of the goddess to the Netherworld, I found no consideration of the jewelry as such, not of the individual item nor of the whole set. Furthermore, it is possible that such representation of these women on their tombstones is intended to manifest their journey to the Netherworld and their praying to the goddess to be. In other words, this representation of the jewelry on funerary sculptures has a symbolic value and expresses the belief of the deceased in life after death that is parallel to jewelry placed in the tombs, also with the belief in resurrection.

Moreover, this perception of the symbolic significance of sets of jewelry continued to persist in the eastern parts of the Roman Empire, acquiring new meanings in the Byzantine Empire. The images of the dead women, probably expressing identification with the goddesses descending into hell and being resurrected later, seem to have been transferred to the images of the queens and empresses of the eastern part of the empire.

These queens all wear sets of jewelry and not only single pieces. Perceiving of the jewelry as a totality that included items for the head, breast, hands, and feet continued to exist in the East, where it apparently underwent change from a ritual of the goddesses and representations in funerary portraits of the women of Palmyra adorned with jewelry, to representations of the empresses in the eastern Roman Empire, as well as the Byzantine-Christian empresses.

It is possible that these sets of jewelry of the goddesses became sets that symbolized the regal status of the queen. Indeed, already in writings describing the Palmyrian Queen Zenobia being conducted as a prisoner to Rome, there is mention of her extensive jewelry. A similar process can be traced in various other examples, for instance among the queens associated with Theodosius in the fifth century, such as Licinia Eudoxia, wife of Valentinian the Third. Empress Theodora, too, in her familiar sixth-century representation in the mosaic in the church of San Vitale in Ravenna, is wearing extensive neck, breast, and head-covering jewelry in addition to her crown.

In other words, the sets of jewelry confer a sublime value upon the unique status of the queens of the East. Mordechai Narkiss and other scholars of Yemenite jewelry, as well as those of the Eastern Jewish communities, also pointed to the possible influence of Palmyrian on Yemenite jewelry. Connections between Palmyra and North Africa had already existed during the hundreds of years following the establishment of the Phoenician colonies in North Africa.

Moreover, various scholars perceive the existence of Berber culture over hundreds of years in North Africa, simultaneously with the Phoenician colonies there, as an autonomous culture24 that preceded the Roman occupation, and certainly during the period of the Roman Empire.

Various sources inform that Jews settled in these colonies as well as in the Berber settlements in North Africa. This finding is supported by the study of a particular item of jewelry whose images appear in the funerary portraits of the Palmyrian women and also in Berber jewelry in present-day Morocco.


  1. Related titles.
  2. Default Web Site Page.
  3. Full text of "Dante studies"?
  4. EZ Cheats - Cheat codes for Nintendo Wii and DS - 7th Edition.

Tahala, Morocco, In addition she wears an array of chest and head jewelry, bracelets and rings. Several of these Palmyrian funerary portraits depict a piece of jewelry comprising a breast chain incorporating two circles or medallions located next to or on the two breasts. The medallions feature images of men. Among the Berbers of North Africa such jewelry acquired a ritual value, symbolizing the traditional roles of women, and is also known in the Maghreb among Jewish women: attached to the chain by two special fibulae are two silver circles, resting on the two breasts.

It is reasonable to assume that the item of jewelry described as part of the costume of the goddesses and featuring on the Palmyrian funerary sculptures as part of the ritual of death, reached North Africa and the Jewish communities there as part of the ceremonial costume. It would thus also seem possible to find a resemblance between the systems of head covering, the necklaces interwoven with chains, and the bracelets from Palmyra, and the Berber jewelry and ceremonial jewelry of Jewish women in North Africa.

This resemblance between the jewelry in Palmyra and the sets of jewelry of the empresses of Byzantium, on the one hand, and the appearance of a similar item of jewelry as part of the ceremonial costume of women in the Berber and Jewish communities surviving into modern times, on the other hand, poses a fascinating phenomenon. Bretschneider, Cynthia S. Colburn and Maura K. Heyn Newcastle: Cambridge Scholars, , — Phil, University of Glasgow, Heyn Newcastle: Cambridge Scholars, Philadelphia and London: J. Lippincott, Bell, Innana abandoned her temples And prepare to descend.

In her hands, She gathered the seven Mes of office. On her head, She placed the shugurra, the crown of the steppe; And arranged the dark locks of hair across her forehead. She tied small lapis lazuli beads around her neck And a double strand at her breast.

Menu di navigazione

Gold bracelets she slipped on her wrists And strapped on breast-shields named, 'Come hither, man, come hither. Zosimus, Historia Nova Bk. London: Printed for J. Davis by W. Green and T. Translation by David Magie. Winter, ed. Jack Cheng and Marian H. Feldman Leiden and Boston: Brill, , In the Middle Ages there were apparently connections between the Jewish communities in Morocco and the Yemen. During history of the Great Moravian religious architecture research on the Czech and Slovak territory many hypotheses shedding light on its original appearance and significance have been created.

First basic methodological approach was traditional positivism which has been based on the comparison of disposition schemes of churches with similar ground plans coming from different cultural locations and periods. As a reaction to the positivism method of formal analysis, V. Richter joined the structural studies already in , although he has never explicitly favored the structural method in the research of Great Moravian architecture as did J. Combination of both structural studies and iconography was defined by M. Recently it was B. Several features of phenomenology method we can find already in J.

So far, premises of the hermeneutics method in the research of Great Moravian architecture have been dealt with only by V. Richter He based his views of the beginning of Great Moravian architecture on the Czech early medieval documents. Research of the Great Moravian religious architecture on the territory of the Czech Republic and Slovakia has got more than 60 years of history.

Since the methods were to assist researchers in interpreting the artifacts examined, this study is purely methodological. It analyzes the current approaches according to art historical methods with which they have the most common features. I will point out the pros and cons, by which one could avoid some mistakes in the future. Traditional positivism One of the main characteristics of positivism, apart from its empiricism, scientism, and geneticism is formalism, i.

Its research has always been based on comparing the layout design of churches with similar plans from different cultural areas and different time horizons. Since the similarity factor is not an exact quantity but the subjective impression of an individual, it is logical that this approach could result in diametrically opposite conclusions about the origin of the Great Moravian architecture which can be illustrated, for example, in Great Moravian rotundas.

From the 19th century on, the respective analogies were sought in the Byzantine Empire, given that the construction of churches was associated with the arrival of the mission of Cyril and Methodius. According to some researchers, such as K. Despite this, there were researchers who continued to search for construction patterns for Great Moravian architecture in Byzantine Empire.

The theory of the origin of simple rotundas in the Adriatic region was proposed by A. Therefore this building can not be regarded as a model for the Great Moravian rotundas which were built about three centuries earlier. The relation of this complicated structure to simple rotundas was explained not only as the reduction of. This building was dated to the turn of the 8th — 9th centuries on the basis of pottery, and there are no contemporaneous written sources. Therefore, the patterns for the Great Moravian architecture were searched for in the area with a late antique construction tradition, which was mainly the IstrianDalmatian region of the old Croatia.

In the 9th century, Carolingian Empire was undoubtedly considered a centre which was, at that time the strongest point of formative influence from Central Europe almost all of Europe from the Pyrenees to Dalmatia. This fact, therefore, also relates to the beginning of Christianity of the Transdanubian Slavs, which took place as already stated by V.

Vavrinek,16 at the direct order of Charles the Great through the mission of the Bavarian episcopate. From the 6th to the 9th centuries, Frankish architecture transformed a number of typological architectural elements of the Middle East, especially the Byzantine Empire architecture, the tradition of which was interrupted by the Carolingian Renaissance, reviving early Christian patterns.

Significant example is the palace complex of Charles the Great in Aachen, based on the Early Christian and Byzantine traditions. The chapel of Charles the Great is generally derived from Justinian architecture design of course with some innovations. The northern annex basilica is considered to be of the Oriental type with typical side pastoforia and galleries over the side area. Most types of buildings dating back to the days of the Great Moravian Empire in the early Middle Ages appear in general from the Visigoth Spain to the Byzantine periphery of the Caucasus. Although the plans of these buildings appear to be similar at a first glance, in the overall structure of architectural interiors, exteriors and construction details, they are quite different.

By simply comparing the plan one can prove the association with those areas on which the researcher focused. It could be argued that in the case of the lost Great Moravian architecture, no other method of determining provenance of individual building types is possible. A possible solution may be to examine them also in terms of preserved architecture, reflecting the tradition of Great Moravian architecture in its area of its primary extension, what was done by L.

The oldest single churches in Bohemia, Moravia, and Slovakia have the character of the PreRomanesque architecture of Western Europe, which is confirmed not only by masonry technologies used in buildings made of rubblework, but by the overall structure of the exterior and interior analogous to the Carolingian Renaissance sites. Structural Approach In response to the positivist formalism in V. Richter started to deal with the building structure because his basic idea was the factor of structure influencing the artwork, which means distinguishing between the objective and the subjective in art.

Sedlmayr, who followed the assumption that every work of art has its own central structural principle independent of the visual perception whereby we can understand that work. This construction unit of measurement he called the Langobard foot, the length of which he uncritically took over from the German scholar F. He then concluded that the rotunda was built by a North Italian architect which led him to establish Italy as the place of origin of the Great Moravian rotundas. Richter, reconstructed Great Moravian buildings with the help of the Roman foot of 29,56 cm. It was also the starting point for the reconstruction of the church through a system called modular circles to which he adapted the shape of archaeologically prepared foundations of the church.

For example,V. Brno , p. Drawing: M. Despite that deficiency of the structural method made an effort to use exact sciences, such as mathematics and geometry, through which it was possible, as opposed to the formalist methods, to verify objectively the results of research. Critical verification of conclusions of the structural method must therefore also be done by exact means, not just by simple statements saying that destroyed foundations do not conform to the original foundations of buildings and therefore it is impossible to determine the initial measurement units.

Richter, but it should be based on all dimensions of the building. Just because most of the Great Moravian churches are in fragmentary conditions, the exact layout and orientation have a permanent heuristic value for future generations of researchers who were not able to participate personally in authentic or revision research.

Photo: M. Krautheimer who, after emigrating to the United States, became one of the main proponents of the iconological method, the so called "deep iconography" that was influenced by the American positivism and factography. Krautheimer formulated "The introduction to Iconography of Architecture," the main premise of which was that no medieval source emphasized design of building, but the practical liturgical purpose of the church, so the content of the construction stood at the heart of medieval architectural thinking, to which the research of the content from the perspective of architectural iconography is subject.

The builders here took over not only the design and function from a model, but also the basic architecturally significant elements. These elements include the size of buildings which is one of the few features still observable in the Great Moravian buildings. The numerological significance of architectural elements of copied buildings was pointed out by R.

Krautheimer, according to whom this significance was attributed in the Middle Ages not only to basic geometric shapes, such as the layout structure of the building or number of columns, windows, etc. Conclusions of R. Krautheimer on the symbolic meaning of dimensions have yet not been questioned, and his very stimulating reflections were later followed by other renowned scholars such as C. In the early Middle Ages patrons were exclusively secular and ecclesiastical dignitaries who selected prototypes often having devotional or commemorative significance for the faithful.

On the other hand, however, it is necessary to realize that the Great Moravian society could not follow this religious tradition, as it was in a transition from paganism to Christianity, and where Christian architecture represented a completely new cultural import. Structural-iconographic research method of Moravian architecture As noted above, elements of both methods can be observed already in J.

Despite many stated reservations it is necessary to admit that in principle he acted in the right way. Indeed, he was trying to scientifically prove the intention of the original builder and the iconographic importance of the building elements. I have used the combination of both methods several times in the spirit of postmodern eclecticism,47 a combination of different methods in an effort to discover the most objective conclusion.

Given the state of the sites examined in which the basic architectural elements such as arches, columns and other architectural elements have disappeared, the absence of which does not allow for a classical formal analysis, this methodological eclecticism is necessary. First, it is important to attempt to determine the construction measure unit, i. Richter have already made progress in this way, however from only one dimension, in the first case the apse, in the latter case the width of the foundations, to which they adapted other dimensions of the buildings. It is therefore necessary to compare all the measurements of the building with the Roman and Carolingian foot, and identify their ideal size, using the nearest integers.

The foot which achieves the smallest average deviation coefficient, may be most likely the original construction measure unit used in the construction of the church. This procedure is identical to the above method of structural analysis. It is based on the detection of the originally planned size of buildings, as the churches can be examined from a point of view of medieval symbolic numerology, showing the intentional insertion of Christian symbols in measurements that belong to the iconography of the architecture.

The next step is the attempt to identify the original plan of the church on the basis of structural and symbolic models used by the builder during the construction planning. This chart can be compared to the. This assumption stems from the simple deduction that the builders might have had more then one building commissioned at the same time. Finally, it is important to determine, by tertiary comparison, the standard models in the contemporary European architecture, which could help in locating the architectural workshops acting in Great Moravia.

Reconstructed by programme AutoCAD. Of course, with the absence of written sources relating to the construction of the Great Moravian churches, these remain hypotheses, the likelihood of which increases with the weight of the argument. In the case of iconographic method, e. This would mean that the width of the foundations was a kind of basic unit, a module, as the base of the column in the Greek architecture. Roman architecture, from which early medieval architecture originates, had a different procedure. Therefore, there is a risk of misinterpretation, or attributing meaning to something that originally did not have any.

On the other hand, it is necessary to take into account the fact that if these hagiographic symbols reverberate in the minds of contemporary scholars, they must have reverberated even more so in the mind of the medieval man. Phenomenology This method, which later turned into hermeneutics, which will be discussed later, has not yet been fully utilized in research of Moravian architecture.

Cibulka as a student of the Vienna School of M. As he identified this type of church as a typical manifestation of the Irish insular Christianity, he proposed its expansion through Europe in connection with "Irish-Scottish" missionaries, and also on the territory north of the Danube before the emergence of Great Moravia. Vavrinek just a year after the publication of the book. Especially, he pointed to the absence of any written reports on activities of Irish missionaries in our area, and of any conclusive evidence of such in the archaeological material.

Poulik because of the absence of concrete evidence in written records,53 and V. Hruby because of the dating to around Cibulka had to retreat from his position, and to admit that the church was not built by Irish-Scotish mission, but by a Bavarian one, based on Irish tradition. Lichardus,56 joining the Irish missionary phenomenon in architecture with an earlier interpretation of V.

European Academy of Religion Annual Conference Full Schedule

Richter,57 relating to the identification of rounded holes around the church with a religious building. Marginally, the issue of the Great Moravian architecture was touched upon by A. Novak, student of the dean of Czech phenomenology, J. Cultural Anthropology Methodological instruments in the field of cultural anthropology were intuitively used by a number of researchers of the Great Moravian architecture. This concerns in particular the methods Art History — the Future is Now.

The method of acculturation in the interpretation of the Great Moravian religious architecture was only programmatically used by A. Avenarius, who focused mainly on defining the share of the three missions — from the Frankish Empire, Italy, and Byzantium. Although he expressed doubts about the merger of architectural types among different missions, he finally agreed with the researchers deriving the origin of most of the churches from the Adriatic area; where there was, presumably, a continuous ancient building tradition closely tied to the Byzantine culture, and it was imported to Moravia via so called mission from the Vlach i.

Northern Italian area. After the first discoveries of the lost Great Moravian churches after the 2nd World War, it became clear that many of them were built before the arrival of the Byzantine mission. Avenarius, because of economic and political crisis in Byzantium in the first half of the 9th century. Avenarius, who considered them as imported by missions from the Vlachy, based on the theory of A.

The method of cultural anthropology or the theory of cultural memory was then joined by B. This model operated in the liturgical practice of episcopal centers. The hypothesis is ambitious, but it has many shortcomings. First, in terms of argumentation, the researcher first defines an axiom about stationary liturgy and church family in the areas with a long Christian tradition, or in the center of Christianity such as Rome, and then tries to apply it to the specific conditions of Great Moravia.

II with the eastern gate, behind which a separate "two-apsidal" rotunda — Church No. Metaphysical premise of a single kind of cultural memory can also be undermined by the fact that there was no preexisting unity, cultural relationships were not metaphysical or anonymous, and the artwork was always the result of individual human contacts, exchanges or influences.

Hermeneutics The relationship of the text to the visual design was not satisfactorily resolved through iconology, since the duality of art work content was the cause of the important limitations in its literary significance. Therefore, the shift from iconology to phenomenologically based hermeneutics was explained by some researchers as a new phase of the ontological understanding of art work and its meaning.

The relationship of the word and image is now seen as a new reciprocity of articulation and an important embodiment, while maintaining its identity in different areas and levels of visibility. Richter did follow the premises of hermeneutic method in the research on the Great Moravian architecture, trying to determine the model under which it would be possible, in the absence of written sources and fragmentary state of monuments of Great Moravia, to determine the origins of architecture. This should have been reflected in the religious architecture on the one hand, in the construction of a church in the form of rotunda Rotunda of St Clement at Levy Hradec and on the other in buildings of votive churches in the old cult places church of the Virgin Mary at the Prague Castle.

The example of these two buildings led Richter to conclude that the result of the analysis seems to be natural, it is just needed to apply this assumption to the Morava material. Heidegger as a horizon in which the art historical research finds itself at the moment. According to P. If this assumption is correct, then the ritual would have been known by the 11th century, and it was also connected to missionary activities. It became the normal liturgical practice a few centuries later, as evidenced from pontifical letters of the 13th century. Also on the basis of a ritual of putting offerings into the foundations of St Clement Rotunda at Levy Hradec one may infer that the rotunda was built no later than the 11th century.

Praha , pp. Praha , p. Prague , pp. Praha Ihr Ursprung, Zweck und ihre Bedeutung. In: Biuletyn historii sztuki, XX, , pp. Budapest , pp. In: Magna Moravia. Sigmaringen , pp. Darmstadt , pp. Brno , pp. Zagreb , pp. Praha — Bratislava , p. London , pp. In: Kunst und Kultur der Karolingerzeit. Stiegemann — M. Mainz , pp. Bologna , pp. In: Richter see in note 10 , pp. Hamburg , p.

In: Byzantinoslavica, XXV, , pp. Karolingische Kunst. Braunfels — H. More information is to be found in Harvey, J. London , p. Praha — Bratislava , pp. Bratislava , p. In: Studies… see in note 17 , p. Spoleto aprile Spolete , pp. Berlin Bratislava , pp. In: Studies… see in note 17 , pp. Brno — Nitra 1. In: Almanach Chadraba — J. In: I. Praha unpublished. In: Ars, , pp. The article defines and explains some of the basic concepts related to the use of light in Byzantine art, both real light and artificial lightening in the spatial disposition as well as symbolic meanings of light in specific iconographic schemes, such as Transfiguration.

Dominant influence on the formation of the aesthetics of light in Byzantine culture was made by the patristic philosophy and theology; therefore text and image are compared. Special accent is given to mosaic as the medium in which artists could manipulate material and techniques to obtain diverse symbolic compositions. Citing fundamental features of Byzantine philosophy from the 4th to the 7th century, Averincev insists on impossibility of complete separation of philosophical and theological thought, pointing out, however, to their substantial differences.

Precisely in the Byzantine philosophy, topics such as the theory of signs, symbols and aesthetics of light gained strong impulse of development in regard to the ideological determination of theological concepts. Antinomy of Byzantine thought, as a result of overcoming skepticism because of the crisis of the Hellenistic world, is established as a fundamental principle of aesthetization of reality, with its expression in art and rhetoric. This association is specifically expressed in the symbol as a unit of meaning, and therefore in the phenomenon of light through its.

Light, both in its pure physical form, as well as in the active interaction with the pictorial properties of the formal features of the artistic media, carries the importance of the intermediary of the axiological principles. Light is fundamental to religious experience and its symbolism affects strongly sacred landscapes in all religions. Light is envisioned as the essence of life, as darkness implies death, and its presence sets apart sacred from the profane and evokes emotions and responses in religious experience. Skills of articulating architectural and decorative elements of the religious spaces, in order to achieve adequate lighting effects, implied, especially in the late Antique period, a good knowledge of arithmetic, geometry, physics, astronomy and optical principles by trained architect.

These principles were, with great skill, applied to other aspects of dramaturgy, cult and ritual practices, and theoretical explanation was provided by Archimedes, in connection with the use of different configurations of mirrors and Hero of Alexandria in his famous work Catroptica, which constituted the theoretical basis of optical knowledge and related practices of Byzantine architects.

Potamianos accepts the thesis that their orientation, in most known cases, is determined by the sunrise on the feast day of the titular deity of the temple. Direct illumination of the statues decorated with gold, ivory and precious stones by sun light, with strong contrast to the dim surrounding area, had a powerful visual and emotional impact.

Concepts and methods of lighting a sacred space developed in Antiquity exerted a strong influence on architectural practice of Byzantine architects, creating different theories on reflection and refraction of light. Potamianos, explaining the concrete form of its manifestation, supports the learning of a close relation of the architectural organization of the apse with the liturgy, which refers to the descent of the Holy Spirit upon the Apostles in the form of "flow of light or flame onto the Church.

Potamianos emphasizes, also, the connection between this moment in liturgy and the Eucharist through the presence of the Holy Spirit, by whose intervention the transformation of bread and wine into the body and blood of Christ happens. In both cases this manifestation is connected to light. In the case of the Eucharist, it. Another phenomenon to which Potamianos attaches great attention to is light of a dome or domed zone.

Dome light is the dominant determinant of vertical axis illumination, which, in this capacity must have been practiced in Antiquity. Over time, the expressive power of this factor gained more diversity in Byzantium, and it is in this regard that it certainly changed the conception of its articulation. More specifically, changes in architectural form of sacred spaces underwent after the 6th century, from the longitudinal plan to the central one, resulted in the modification of lightning.

In a longitudinal scheme the additive relationship of church parts as discrete, separate entities is accentuated, while in a central plan additivity is replaced by the organic unity manifested by directing beams of light that come from different openings towards one particular locus of the vertical axis. As the result, a dome acquires symbolical value of the space of the Pantocrator where light acts as a non-created divine energy emanated from God himself and not from any other known source.

By placing external, physical light in the interaction with the pictorial features of mosaics, frescoes and icons, complex symbolic compositions are built. Typologically related instrument to include light and light effects in the structure of an image was achieved by emphasizing certain parts of a composition using colors and materials of more intense light values. This process, apart from establishing dynamics in the art form, exercised a significant symbolic effect in fresco painting and iconography.

Representation of light in Byzantine painting include halo, mandorla, thin or trapezoidal stripes representing the beams of light as well as the application of different colors in their hues, tones and radiance which accentuate symbolic importance and establishing light transmission. Byzantine concept of color as "materialized light" and its complex symbolism allow special mode of installing pictorial values in the symbolic images.

The Laws of Late Medieval Italy (1000-1500)

Both in texts and visual representations, light represents holiness and is a structural element of several of fundamental events and sacred visions. As the manifestation of God's presence it is depicted as brilliant and radiant emanation in the scenes of Annunciation, Baptism, Transfiguration or Ascension.

The sacred is, as well, evoked. Many of the scenes in the early Byzantine art depict metaphysical space, transcendental space using glittering stars or illustrating candles and candlesticks with burning fire. Therefore, fire was an essential element in Byzantine symbolism that will be put in relation with the divine, uncreated light that was presented to Moses in his first encounter with God, as burning flames. Dominant influence on the formation of the aesthetics of light in Byzantine culture was made by the patristic philosophy and theology. Patristic use and development of symbolism and phenomenology of light was, in turn, influenced by Greek culture as well as its preceding and parallel Near East cultures, particularly the Jewish one.

I mutanti sono considerati come un pericolo dagli umani, da cui vengono perseguitati. Philip K. Nel esce il suo primo romanzo, Lotteria dello spazio. Dick scrive capolavori come La svastica sul sole, Ma gli androidi sognano pecore elettriche? Muore il 2 marzo , stroncato da una serie di attacchi cardiaci. Dick deve molto agli adattamenti cinematografici, tra cui Atto di forza , Screamers —Urla dallo spazio , Impostor , Minority Report , Paycheck e Un oscuro scrutare Oggi vive a Chiang Mai, nel nord della Thailandia.

Non si riesce a non fare il tifo per il dottor Siri mentre tenta di proteggere la neonata Repubblica del Laos. Un outsider che si racconta da outsider , attraverso i suoi racconti e tutto quello che la vita gli ha offerto, sono storie impastate con una sostanza umoristica, affumicate sul braciere di una legnosa follia. Ho cominciato presto a ridere di me stesso, ho un fisico rigido come il palo di un cartello stradale e una mente mal disposta a riflettere su alcuna segnaletica.

Un saluto a tutti!!! Una tre giorni in quel di Chiari, borgo medievale in provincia di Brescia, li celebra con la Rassegna di microeditoria italiana giunta alla sua quinta edizione. Invece domenica alle 15,30, tocca a La casta dei giornali, pubblicato da Stampa Alternativa. Autore del volume Recitare, uscito per Gremese.

E soprattutto, come si fa? Questa tanto meno. La storia di Maria, che ripercorre sul filo della memoria gli echi di un passato mai troppo passato. Ma che commento dileggioso e sbeffeggiante, caro Sozi. Sembri Gregori! Di questo libro di Silvia Leonardi ne ho sentito parlare piuttosto bene. E via dicendo. Mi dimentico i miei amori, io pazzo. Comunque, vorrei leggere qualcosa di questa scrittrice. Qui ed ora.

O almeno presto. E sono pronto, pertanto, a rimangiarmi ogni parola e a fare mea culpa. Tra le sue opere ricordiamo Una storia della lettura, il romanzo Stevenson sotto le palme, con Borges e Diario di un lettore con cui ha vinto il premio Grinzane Cavour per la saggistica. Una vita e Maometto. Vita del profeta. Sulla guerra di Karl von Clausewitz fu pubblicato per la prima volta in Germania dopo le guerre napoleoniche. In questo godibile saggio, Hew Strachan rimette in discussione tutte le idee sbagliate, le strumentalizzazioni e i fraintendimenti nati intorno a Sulla guerra. Una storia illustrata.

Il 20 dicembre del 69 d. Vespasiano era unico imperatore, nasceva la dinastia imperiale dei Flavi e Roma usciva finalmente dal fosco periodo di lotte seguito alla morte di Nerone. La storia della loro sfortunata passione, osteggiata dai Romani che costrinsero Tito ad allontanare la sua amata, avrebbe ispirato in seguito Corneille e Racine in due delle migliori prove della tragedia francese del Seicento. Con la morte del suo successore, il fratello Domiziano, assassinato in una congiura, sarebbe tristemente calato il sipario sulla dinastia dei Flavi, durata appena 27 anni, anni di imprese belliche e grandi passioni, disastri naturali e monumenti imperituri.

Con la Newton Compton ha pubblicato nel I Templari e la fine del Regno di Gerusalemme, giunto alla terza edizione. Marcello Brusegan, nato a Venezia, bibliotecario, si occupa da sempre di storia delle tradizioni veneziane e in particolare di alimentazione e gastronomia. Autore di numerosi contributi scientifici sulle principali riviste italiane e internazionali, ha realizzato varie monografie su Bartolomeo Pinelli e i pittori napoletani del Seicento.

Ha scritto, sempre in inglese, un libro sulla pittura e scultura italiana in Danimarca e un volume su Urbino, oltre a numerosi articoli su riviste di pittura e arte. Gli estremi cronologici tra cui si collocano le novanta opere selezionate sono la fine della prima guerra mondiale e il secondo dopoguerra. Si potrebbe rispondere: solo un ricordo. Pinelli infatti sa coglierli ancora vivi e originali negli anni del primo Ottocento e offrirceli, a distanza di secoli, pur nel compiacimento e nella proiezione del modello classico, sempre esaltanti il quotidiano popolare.

Fra le sue opere ricordiamo la raccolta di sonetti romaneschi Er Vangelo secondo noantri e I bulli di Roma, pubblicato dalla Newton Compton. Siamo in Inghilterra, nel Surrey per la precisione, un sobborgo tranquillo dove non succede mai nulla di intollerabilmente brutto. A Verapen V. Dopo aver lasciato il college, ha lavorato per diversi anni nel mondo della musica.

Giornalista e consulente cinematografico, ha collaborato con la Radio Vaticana e con Radio Uno. Ha ricevuto per due volte il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Golpe alla greca, alla cilena, massonico, da manuale americano. Spesso convergenti con il terrorismo e sempre con lo scopo di condizionare la vita politica del paese.

Biscazzieri nostrani e biscazzieri forestieri affiancati da bande mercenarie e terroristiche. Il fine era sempre lo stesso: mettere il bavaglio alle sinistre. Un inesausto succedersi di scempiaggini. Ma intanto ha incassato i proventi del ricatto al quale era finalizzato: la neutralizzazione politica del primo governo di centrosinistra.

Nel tocca agli illusi fautori di un golpe militar-fascista; ma generali, bande neofasciste e picciotti mafiosi al comando di Junio Valerio Borghese sono smobilitati un minuto prima del passaggio alle vie di fatto. Una macchina impazzita che sfornava fascicoli su politici, militari, dirigenti economici, parroci e vescovi, segretari e uscieri.

Ne contarono mila pronti ad essere usati per ricatti, maneggi, intrighi e imbrogli. Proprio come sta succedendo oggi. Sono qui raccolte in edizione completa tutte le poesie di Carducci, comprese le giovanili e le disperse. Esaltato a suo tempo e poi ingiustamente dimenticato, Carducci si presenta con i suoi versi ricchi di contenuti, caldi di passione e classicamente limpidi nella forma.

Fervente polemista nutrito di spiriti giacobini, fu tuttavia amico della regina Margherita. La sua fama di poeta gli valse nel il premio Nobel per la letteratura, il primo assegnato a uno scrittore italiano. Giacomo Leopardi nacque a Recanati nel Antologia di testi e Tutte le poesie di Trilussa.

Come vorremmo il nostro mondo se fossimo noi a deciderlo? Leopardi, Catania — telefono e fax — — cell. Edizioni Estemporanee — info edest. Liber Arce Matos sa scrivere e regala dei buoni pezzi di prosa, ma al momento opportuno si ferma e decide di non andare oltre. Raffaele Paloscia e Nino Marcellino compilano due parti che non vanno oltre il diligente compitino scritto con cura ma senza passione. Profumi, contrasti, colori e atmosfere. Innanzitutto, sono nata a Cuneo e non a Milano, dove semplicemente risiedo e lavoro.

Quindi sono tre in tutto. Alberto Manguel nato a Buenos Aires nel , ha vissuto in Italia, Francia e Inghilterra e Tahiti, dove ha fondato la prima casa editrice tahitiana. Il pensiero e la vita del leader nero nella versione disegnata della celebre Autobiografia di Malcolm X. Le speranze e le ambizioni di un uomo costretto a venire a patti con le menzogne di un fondamentalismo dal volto, ieri come oggi, sempre uguale. Sottomessi e rinchiusi nel ghetto della cultura dominante. Nella pagina in questione sono elencati i titoli oltre che le norme del funzionamento — poche, ma necessarie, — che regolano il prestito: libero, gratuito e aperto a tutti.

Gli anni Settanta sono stati una stagione irripetibile del nostro cinema di genere e se mi guardo indietro sono contento di averla vissuta sino in fondo. Siamo al secondo volume sulle bellezze di una stagione irripetibile del cinema italiano, segnato in modo indelebile da Gloria Guida e Edwige Fenech, ma non ci sono state soltanto loro. Tutto vero. Merito dei tempi e di un pubblico di bocca buona che cercava soltanto emozioni a poco prezzo. Maurizio Merli invece mi sta poco simpatico e pure Luc Merenda non mi fa impazzire, troppo perfetti e inappuntabili per i miei gusti… ma i loro film sono azione pura da gustare sino in fondo.

Al tempo nemmeno sapevo chi fosse Umberto Lenzi e non mi sognavo di pensare che quei film violenti li scriveva Dardano Sacchetti.


  1. Lultimo Capriccio di Paganini (Parole in viaggio) (Italian Edition);
  2. 2013 Photographers Market!
  3. Index of /page_3!

E andavo al cinema con il mio pacchetto di semi stretto in una mano e le noccioline di scorta nel giaccone a vento. In Italia i pop corn non li avevano ancora portati, le noccioline si chiamavano arachidi tostate e le vendeva una signora fuori dal cinema insieme ai semi di zucca. E vale a poco stare qui a recriminare. Manca il pubblico, dicono. Adesso il cinema di genere lo fa la televisione. Io la guardo e sorrido. Ricordo i tempi della mia adolescenza, quando si faceva la fila per vedere Alvaro Vitali che spiava dal buco della chiave la Nadia Cassini o la Carmen Villani di turno.

Rammento il sapore di proibito che emanavano quelle pellicole innocenti e pure il nostro bisogno di trasgredire. Le femministe si arrabbiavano. Un culo di Lilli Carati valeva bene una messa! Lui nasconde le lacrime e risponde che sa di rimpianto. No, gli anni Settanta sono stati davvero una stagione irripetibile del nostro cinema di genere e se mi guardo indietro sono contento di averla vissuta sino in fondo, quella stagione. Intervengono gli autori. Interviene Mattia Signorini. Introduce Corrado Fissola. Modera Massimo Giannini.

Interviene Carla Stella. Introduce Mons Rino Fisichella. Modera Clemente J. Modera Beppe Severgnini. Testimonianza di Izzeddin Elzir e Haifa Alsakkaf. Letture di Serra Ylmaz. Modera Anna Benedetti. Interviene Raffaele Stancanelli. Altro non posso fare…. La morte di una persona molto amata, in questo caso una figlia, la mia, annienta immediatamente la vita di chi resta. Ma, soprattutto, nessuno fa niente per le persone che rimangono in vita, familiari, parenti, amici, fidanzati, figli.

Per ogni persona che muore ce ne sono almeno venti che vedono la loro vita completamente sconvolta. Ho sempre pensato che il silenzio uccida i sentimenti, i rapporti tra le persone e, a volte, le persone stesse. Ora, finalmente, credo di esserlo. Morena Fanti. Migliaia di anni dopo, Merlino sente delle grida provenire da una nave che vaga nei mari del Nord.

Quelle urla appartengono a Giasone e sono rivolte ai suoi stessi figli, rapiti o forse uccisi dalla perfida Medea. Merlino non ha paura della morte. Coraggiosamente accetta fino in fondo i rischi della sua nuova missione: ritrovare i figli smarriti di Giasone per ridare la pace al suo vecchio amico.

Robert Holdstock, uno dei padri della letteratura fantasy contemporanea, vive a Londra. Celtika rappresenta il primo volume del nuovo, emozionante ciclo Il codice di Merlino. Holdstock riesce a trasportare nella sua narrativa miti provenienti da contesti culturali diversi. Giasone e Medea sono quelli del mito antico ma le loro motivazioni sono legate a modi di pensare attuali. Furono davvero i barbiturici a uccidere Marilyn Monroe nella sua villa a Brentwood?

E cosa accadde esattamente a casa di Lana Turner quel maledetto 4 aprile del , il giorno della morte del boss Johnny Stompanato? Una vicenda di attori e starlette, manager e mafiosi, veleni e pistole. Non un film, ma una storia vera. La loro collaborazione inizia nel Ed ecco i ponti e i fiumi nel racconto di personaggi che, in differenti epoche, sostarono a Torino e ne lasciarono un giudizio, talvolta lusinghiero.

Questo percorso assume quasi i contorni di un romanzo, dunque, con luci e ombre in cui i ponti di Torino sono e rimangono i veri protagonisti. Claudio Rendina, scrittore, poeta, storiografo e romanista, ha legato il suo nome a opere storiche di successo, tra le quali, per la Newton Compton, I papi. Storia e segreti, Il Vaticano. Storia e segreti, I capitani di ventura, I dogi. Impareranno a loro spese. Con la Newton Compton ha pubblicato Napoli Criminale Sono alcuni dei personaggi che incontrerete in questo libro: una panoramica sul fenomeno ancora sottovalutato del brigantaggio piemontese ricavata confrontando la storiografia ufficiale, sovente datata e parziale, con documenti in larga parte inediti.

Senza prescindere dai rimandi al contesto politico, sociale ed economico di un territorio sospeso tra un passato e un futuro parimenti ingombranti. Tra il e il ha collaborato con alcune testate giornalistiche ed emittenti radiofoniche cittadine. Nel ha partecipato alla realizzazione del programma televisivo Eventi, prodotto dal Dipartimento Scuola Educazione della Rai di Roma. Il pasto giusto nel posto giusto. Ecco allora i preziosissimi consigli contenuti in questo libro per imparare a riconoscere un principe azzurro e scappare a gambe levate davanti agli inaffidabili, ai mammoni, ai traditori, agli egoisti e ai prepotenti.

Dopo il colpo di stato del ha scontato quattro anni di prigione ad Ankara, colpevole solo delle proprie idee e, una volta uscita, ha intrapreso la carriera di avvocato. Ha pubblicato due raccolte di racconti, A complicare le cose Robin, e Fermati un minuto a salutare Robin, Collabora con Nuovi Argomenti. Per ora vive insegnando matematica. Siculiana AA. Lo so, Elektra, avresti voluto farlo tu questo post.

Anzi, a dire il vero, avresti dovuto data la tua ammirazione per il nostro padrone di casa. Io non avrei mai scritto un libro in quella maniera. Ma, in sostanza, chissenefrega. Quella lancinante disperazione che i vitelli ci rovesciano addosso con la voce …. Un libro che, muovendosi in principio con il distacco pessimistico-esistenziale di un Beckett, si accende passo passo grazie ad italiche faci — non esenti, qualche volta, di captatio benevolentiae di tipo erotico-telefilmico, con qualche sbirro stereotipato di troppo.

Tanti sono i personaggi, non di contorno ma di comprimaria importanza, a rendermi sicuro del fatto che dopotutto proprio di loro Gregori voleva parlare, con la scusa della rude americanata finanzial-poliziesca. Fra lo Spaghetti-Western e la provinciale gita fuori porta con tragica litigata di ubriachi, si sviluppa comunque — molto bene da un punto di vista strutturale-dinamico a piani orizzontali su asse cronologico in processione e ottimi flashback di specificazione — questo romanzo di esordio di Enrico Gregori. Tanta fantasia potrebbe stravolgere creativamente la nostra Italietta, credo veramente.

Con vera stima Sergio Sozi. Andarono a suonare e furono suonati. Io, musicante di Brema, mi genufletto dinanzi alla sopresa di trovare Sozi che parla del mio libro. Frega cazzi come ne parla. Sergio ne parla. Se dicessi qualcosa del mio libro sarei scorretto. Il futuro riserva, spero, altro. Spero comunque che nel mio futuro ci sia in qualche modo Sergio Sozi.

Ma gli voglio bene. Ovviamente non da Elektra. Non sei credibile, bambina! Ricambio col cuore in mano. Detto da critico esterno. Ma nessun peana, per favore. Che vuol dire? Chi lo sa! Ma per piacere! Io voglio vedere Elektra. Vieni fuori, palesati qui se hai coraggio. O sei solo chiacchiere e distintivo? Tra la nostalgia per I quindici e i ricordi indotti da Il manuale delle Giovani Marmotte, Il grande libro per i bambini cattivi nasce come antidoto ai consigli buonisti con cui ci hanno anestetizzato per anni Qui, Quo e Qua.

Cento capitoli da leggere insieme, per scoprire un modo diverso di fare i compiti assegnati dalla maestra ma anche per conoscere tutti i modi di vivacizzare una festa di compleanno o i trucchi per costruire una batteria, una bussola o un fucile a molletta. A tremare saranno soltanto i soprammobili in salotto e il servizio buono della nonna. Tra le sue fiabe. Oltre ricette della migliore tradizione italiana, con qualche gustosissimo excursus nella cucina francese.

Qui impara a cucinare, sotto la guida esperta di nonna Oriele. Ha creato un archivio di oltre due milioni di ricette. Autrice di diversi libri di ricette, attualmente vive in una casa in mezzo a un bosco con 3 cani, 13 gatti, una ventina di galline e libri. Arte, architettura, storie e glorie dei ponti romani, dagli antichi guadi sul Tevere alle costruzioni medievali, rinascimentali e moderne.

E cosa unisce il sapore unico della pajata al profumo conturbante dei roseti in piena fioritura? Una Roma immortale da conoscere in centouno mosse. Centouno passeggiate e altrettante esperienze che bisognerebbe proprio fare… prima di morire. Una miriade di personaggi variegati, eccessivi, disperati, straordinari e pieni di poesia. Brandi, Parole in movimento. Mascia, Alla ricerca del senso. Tommy Akhtar, un ugandese-indiano che ha combattuto tra i Mujaedin in Afghanistan, lavora oggi come agente segreto a Londra.

La Pietra Miliare, una locanda come tante, nasconde un incredibile segreto. Sotto le sue umili spoglie si cela Kvothe, un eroe che ha fatto nascere centinaia di miti e leggende…. Nel ha vinto il concorso Writers of the Future con il racconto The Road to Levinshir, estratto dal romanzo The Song of Flame and Thunder, fino ad allora respinto da diversi editori.

Una storia di amore, passione e ideali nella Napoli di inizio Ottocento, durante i primi moti rivoluzionari della Carboneria,. Matilde ha tredici anni e una gran voglia di correre. Matilde non si fa gli affari suoi e si mette nei pasticci. E Matilde ha un cuore grande che batte forte forte e si innamora presto.

Per la Fanucci Editore ha pubblicato A piedi nudi, a cuore aperto e La settima strega Un incarico che nessuno vorrebbe vedersi affidato, date le conseguenze che potrebbe comportare per chiunque lo accetti. E mentre i suoi amici e colleghi vengono brutalmente eliminati, nella sua ricerca per rendere giustiza ai compagni e alle donne uccisi, Sun Piao risale fino ai massimi vertici militari cinesi, portando alla luce prove che i suoi stessi superiori non vogliono che trovi… finendo per trovarsi coinvolto in una terribile lotta di potere tra la vecchia e la nuova guardia del potere militare.

Mi auguro che tutti lo leggano, e che vinca tutti i premi. Daniel Kalla ha pubblicato con enorme successo i romanzi Pandemic e Resistance, e per ultimo questo Il sangue non mente. I suoi libri hanno venduto oltre Ma Valentina sta piangendo in una cabina telefonica e si dispera al telefono con Marta. Quale segreto nasconde dietro quelle lacrime che non smettono di scendere? Un giorno il padre decide di mandarla a vivere a Londra, da un cugino acquisito. Black pubblicato nel in questa stessa collana. Black ci racconta la sua vita, ci fa entrare nel suo folle e disperato mondo.

Il detective Shunsuke Honma sta superando il trauma della morte di sua moglie e di un incidente che lo ha lasciato menomato. Miyuki Miyabe porta avanti la complessa trama del romanzo con una prosa stringata, combinando con maestria cambi di ritmo e una raffinata analisi psicologica, fino a raggiungere un risultato narrativo straordinario. Dai suoi libri sono stati tratti ben dieci film.

I lettori desidereranno poterlo guardare di nuovo attraverso i suoi occhi. Poi, fatti e trasfigurazioni, presenti nel testo, rimandano a simbolismi che hanno radici antiche: il candelabro, per esempio. Sto sorridendo. Ciao e Buona domenica, Miriam. Postato domenica, 2 dicembre alle da Miriam Ravasio. Postato domenica, 2 dicembre alle da Enrico Gregori.

Manca meno di un mese alla scadenza 31 dicembre del concorso di Historica per inviare gratuitamente i vostri racconti. Sono ammessi solo scritti in lingua italiana. Grazie Miriam, sei molto gentile. Sicuramente mi aiuteresti a trovare nuovi lettori. Postato domenica, 2 dicembre alle da Massimo Maugeri.

Inchiostro, la rivista per gli scrittori esordienti, giunta ormai al tredicesimo anno di vita, organizza il. Un corso di scrittura creativa per iniziare il nuovo anno con i migliori propositi o con i peggiori intendimenti…. Modifiche marginali agli orari di lezione potranno essere concordate per permettere agli iscritti al Master di usufruire della piscina talassoterapica e della piscina riscaldata.

Il pomeriggio, alle ore Enrico Rulli, fiorentino, 49 anni, saggista ed editor, autore di numerosi testi sulla scrittura creativa e di una fiorente pubblicistica uscita su riviste e periodici, grazie alla quale ha ottenuto per due volte il Premio Italia. Da quasi dieci anni tiene corsi e laboratori di scrittura in collaborazione con Inchiostro. I generi letterari e i loro maestri, la metodologia dello scrittore, come inventare una storia, dove trovare le idee e come organizzarle.

Gli errori da evitare, le frasi fatte e la retorica. Come superare la sindrome del foglio bianco. I blocchi dello scrittore, gli inceppamenti della trama e le impasse strutturali. I migliori incipit della letteratura. Come convincere il lettore ad andare avanti. I migliori finali della letteratura. Il senso del finale. Personaggi piatti e tridimensionali; veri e artificiali; contrapposti o alleati; antagonisti e protagonisti. Tensioni, contrasti e risoluzione dei conflitti. Personaggi come pezzi di una scacchiera. Dialoghi funzionali, dialoghi come narrazione, dialoghi come azione, dialoghi per riassumere, convincere, spiegare e risolvere, dialoghi come pause di riflessione, dialoghi a tutto tondo, riflessioni intimistiche e monologhi.

Lettere, diari e memorie. Mostrare la scena come se la penna fosse una cinepresa. La suspense e la strategia della tensione: ogni storia ha un suo ritmo, pone interrogativi, solleva dubbi e propone risoluzioni. Vantaggi e svantaggi dei vari punti di vista. Come effettuare una buona revisione. Consigli per individuare lacune, dimenticanze ed errori. Come presentare un testo ad un editore. Come farsi pubblicare. Info e iscrizioni: redazione di Inchiostro, tel. Se proprio non riesci a trovare qualcosa da leggere e recensire per Letteratitudine basta dirlo.

Potrei aiutarti… Ciao. La vita, per lei e per Joshua, il suo bambino di otto anni, sembra essere diventata irrimediabilmente triste e faticosa. Colpito da un problema di salute, George diventa ospite fisso del veterinario di quartiere e quando un incontro ravvicinato con un feroce Staffordshire Bull Terrier si risolve in costose sedute presso lo studio di un analista per cani, Judith si rende conto che a sdraiarsi sul lettino di uno psicologo dovrebbe essere lei….

Judith Summers ha pubblicato quattro romanzi, un saggio dedicato a Soho e due biografie. Vive a Londra con suo figlio e, naturalmente, con George. Francesco Cagno nasce a Napoli nel poi, con la famiglia, si trasferisce a Roma dove lavora come ingegnere coltivando la passione per la psicologia, il mare e, naturalmente, la scrittura. Vive e lavora come giornalista a San Francisco. Tempo acerbo di dolore Agonizzate gemme Come foglie ingiallite da una prematura Primavera.

Postato sabato, 8 dicembre alle da giusi pontillo. Presenta Giovanna Giordano. Le tavole del libro saranno in mostra fino a domenica 16 dicembre. Parallelamente ottiene una laurea in Filosofia morale, seguita da studi in scienze orientali. Guido Ceronetti, La Stampa. Ogni giorno nel sito troverai un aggiornamento sullo stato dei lavori e attraverso lo spazio commenti potrai darci suggerimenti ed adesioni. Filippo e Mauro. Non vi spaventate. Non si tratta di un polpettone storico.

Ho voluto rivisitare la figura di Santippe, passata alla storia come donna acida e insopportabile. Tenta molte volte di discutere con il marito del loro rapporto. Ma trova sempre un muro. La conforta il pensiero che il suo Dio sia un interlocutore che conosce tutte le fibre di ogni creatura. Ha avuto ottime recensioni. Un romanzo dove i dialoghi tra madre e figlia si intrecciano in una storia quasi assurda, fatta di momenti dolci alternati ad attimi di suspence e di dolore.

Con queste parole Jesse James junior rivela la sua testimonianza e offre ai lettori tasselli preziosi della storia americana e della guerra fra nordisti e sudisti. Un libro scritto con parole semplici e sincere. Jesse Edward James Jr. Sposato con Stella Frances Mc-Gowan, che gli ha dato cinque figlie, ha lavorato per tutta la vita come avvocato a Los Angeles. Tra le sue pubblicazioni, la raccolta di racconti La mattina dopo, il romanzo Rospi acidi e baci con la lingua e, per la Newton Compton, i saggi Roma criminale scritto con Yari Selvetella e Italia criminale.

Anche da uomini. In questo romanzo si parla di una donna, Giulia, ma non solo. Sfiora avvenimenti di cronaca che ormai siamo abituati a sentire ogni giorno attraverso i media. Si raccontano quei cambiamenti che ci colpiscono e non sempre ci permettono di essere la persona che avevamo programmato, che credevamo o volevamo essere in nome di un legame, una scelta appunto. Autore della riduzione, Jean Launay.

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro di Roma nel , replica da 18 anni con una risposta sempre entusiasta del pubblico. Accanto alle pagine della Yourcenar troviamo la preziosa riproduzione di alcune pagine del copione che accompagna Giorgio Albertazzi sin dal suo debutto.

Un viaggio in un evento storico del teatro italiano. Introduzioni preziose di Dario Fo e Maurizio Scaparro. Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel , prese la cittadinanza statunitense, pur continuando sempre a scrivere in francese. Giorgio Albertazzi nasce a Fiesole, il 20 agosto del Debutta con la regia di Luchino Visconti nel Per il cinema scrive e dirige Gradiva, tratto da un saggio di Freud che vince un premio al Festival del Cinema di Locarno Nove euro e novanta centesimi sono pur sempre una cifra da spendere con giudizio, per i nostri ragazzi.

Il romanzo, scritto da Alice Suella, apre la collana curata da Gianluca Morozzi. Di seguito, ecco la trama:. Le parole ossessive di Jack Torrance tornano, in veste ironica e scanzonata, per descrivere la vita di chi si sente in missione di Dio senza conoscerne la motivazione. Ti piacerebbe…. Pane, hamburger, uovo, bacon, salsa, pane, hamburger, uovo, insalata, bacon, salsa, pane, hamburger, cetriolo… la nausea che provi sei tu stesso a generarla….

Le sue forti valenze simboliche riescono a parlare anche a chi non sa nemmeno chi sia Silone e in che mondo abbia abitato. Sono trascorsi quei giorni di fame del dopoguerra, il popolo abruzzese, che allora dovette emigrare per la penuria delle sue terre, oggi gode di relative agiatezze. Nel laboratorio si affronteranno i seguenti temi: 1 Confronti sulle tecniche drammaturgiche. Quale impegno per un drammaturgo? Cosa rende attendibile un suono nella bocca di un attore? La fasi didattiche, di ricerca, studio ed approfondimento sul tema ed il laboratorio pratico di scrittura saranno condotte da Dacia Maraini, coadiuvata da Silvia Calamai.

Numero iscritti previsto: n. Speciale festa con quiz e premi - Harry Potter e i doni della morte. I primi che si iscriveranno durante la serata, potranno vincere una copia - del libro e altri premi. Le buste consegnate dai trenta lettori verranno aperte in pubblico. Ogni partecipante autorizza il trattamento dei propri dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno n.

Per ulteriori informazioni telefonare al o scrivere al seguente indirizzo: salvozappulla1 virgilio. Potrebbe essere per qualcuno interessante, ma anche lo spunto per prendermi per il culo. Ma non credo proprio…. Se avesse un corpo lo userebbe per schivare. Che cosa? Per non essere colpita, identifica. Di gesti che si formano perfettamente dentro la testa, ma non riescono a passare nei muscoli, nel sangue, come figli eternamente nutriti da madri sempre gravide e mai partoriti. ROMA, ore Coordina Beppe Giulietti.

S75 St. Presenta Roberto Ferrario. IT , ore Si prega di confermare la propria presenza al numero 02 Interviene con gli autori Dario Salvadori. Modera Romano Battaglia. Letture di Federica Armillisi, interventi musicali alla tromba di Gianni Dallaturca. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per informazioni e prenotazioni Intervengono Marco Basile e Federico Monga. Interviene con la curatrice Maso Notarianni. Partecipa Dori Ghezzi. Ai sensi del d. La vena autobiografica di queste pagine si esprime attraverso il filtro di una consapevolezza che la induce a considerare il mondo come lo strumento per un richiamo verso la natura umana. Progetto fotografie e fotografie di Marco Agnoletti.

Oltre trecento personaggi raccontano la storia infelice della loro vita e comunicano il proprio testamento spirituale: The New Spoon River, pubblicato da Masters nove anni dopo la famosa Spoon River Anthology, appare oggi un classico della poesia di ogni tempo e paese. Edgar Lee Masters nacque a Garnet, nel Kansas, nel Henri Pirenne nacque a Vervies, in Belgio, nel Arrestato nel , rimase prigioniero in Germania fino alla fine della guerra. Gregorovius e per Maometto e Carlomagno di H. Raymond Radiguet nacque a Saint-Maur il 18 giugno Nel gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura.

Ha pubblicato romanzi, racconti e opere saggistiche. Per la Newton Compton ha curato tutti i romanzi salgariani del ciclo di Sandokan e le opere dei grandi scrittori siciliani Verga, De Roberto, Capuana e Pirandello. Dopo alcuni rapidi accenni alle origini mitiche del dissidio, Erodoto passa ad analizzare le cause delle guerre persiane, interrogando fonti di prima mano orali e non per discernere il vero dalla menzogna. Non ha lasciato altri scritti oltre alle Storie. Ha curato numerose edizioni di classici del pensiero antico e moderno, anche in versione ipertestuale.

Nel un incidente che rese il padre invalido lo costrinse a impiegarsi presso la ricevitoria del Registro di Sens. Nel Verlaine lo fece conoscere al grande pubblico includendolo nel suo celebre I poeti maledetti. In un Impero ormai disgregato e corrotto, tra le immagini lascive di feste decadenti e storie di ordinaria corruzione, si staglia la figura di Giulio Valerio Maggioriano, pronto a consacrare la sua intera esistenza al riscatto di Roma. Giornalista professionista, ha coordinato i servizi culturali di due quotidiani e ha condotto trasmissioni radiofoniche.

Narratore e saggista, tra le sue pubblicazioni il romanzo Il fascistibile e il pamphlet Il leviatano negligente. Salve a tutti, vorrei portre alla vostra cortese attenzione, il mio recente libro. Ancora molto valido, e forse, non per presunzione, ma forse vale davvero la pena leggere. RIngraziando tutti coloro che vorrano prenderne visione, vi porgo i miei saluti.

Progetto fotografie e fotografie di Marco. Bella, intelligente, ironica. Ha deciso di controllare ogni attimo della sua esistenza per cancellare dalla sua visuale ogni sorpresa. E per un caso del destino Sasha e Nicole si scontrano ma poi lo scontro diventa un incontro. Tra due solitudini, tra due paure, tra due fuggiaschi: Sasha e Nicole, senza confessarselo, si riconoscono. Come due simili. Con la partecipazione di Geraldine Chaplin. Libreria Cavallotto — Corso Sicilia. D Infoline In occasione del centenario dalla sua nascita , sono state sempre molte e diverse le iniziative promosse in suo favore.

In questa analisi, come in ogni suo scritto, la prof. Letture di Silvia Favaretto e Crhistian Panebianco. Postato domenica, 17 febbraio alle da Mister Noir. Domenico Cosentino non te la manda a dire. Ci sono altri moti, sentimenti tra i versi che sembrano storti, devono esserlo per descrivere una vita sbagliata, troppo dura e disperata. Poi ci sono le dichiarazioni, le parole che parlano per il Domenico Cosentino in crescita come individuo che si trova a confrontarsi con un mondo ostile, difficile, sordo. E quelle parole che sono interiorizzazione, scavo, ricerca di un se stesso imperfetto ma vero, vivo.

Io sono le miei mutande sporche. Io sono la puzza dei miei calzini sudati. Ma resta una prosa che spurga, sputa e alza le mani, cerca di farsi sentire in mezzo al frastuono, prova a lasciare tracce e vuole colpire. Ci riesce quasi sempre, per quanto mi riguarda. Pagine delicate e sincere che dovrebbero essere rilette anche a libro terminato. Meglio per tutti dare la colpa a me di Domenico Cosentino 10 euro Graus Editore Isbn: Cronache in un tempo in cui imperversava Elsa Maxwell, la giornalista del gossip e degli scandali mondani.

Un greco come lei nata a New York in una famiglia di emigranti. Fu uno choc per la cantante che non seppe reagire. Sulla Callas, in particolare sul rapporto con Onassis, sono stati scritti numerosi libri e anche qualche anno fa una fiction televisiva. Di che leggenda si tratta? Sono riprese le interviste significative, e spesso toccanti, della Callas rilasciate ai cinegiornali e alle televisioni di diversi paesi. Ha scritto dieci commedie tutte rappresentate. A New York! Ha ricevuto diversi premi cinematografici e televisivi, tra cui il St.

Io apprezzo il vostro lavoro e le vostre email. Buon lavoro, a presto, Italo. Salve, sono ceccherini valter. Per maggiori informazioni, siete pregati di clikkare sul link sottostante. Accorrete numerosi…. Ed eccomi qui. Eccola ciao a tutti :. Ora, cosa ha a che vedere un trattato filosofico con il romanzo di Paolo Izzo? Si riflette? Si rappresenta? Non so. E sentono parole e rumori e intenzioni e corpi e movimenti. Sentono il dentro del suono. Come il bambino che deve nascere.

Accade, ci sono delle notti in cui cercare rifugio nel sonno sarebbe vile, notti in cui si sentono montare le invincibili maree del sentire. In una di queste rare e preziose notti provate a leggere Il dentro del suono, tutto di un fiato. Coordina Margherita Spampinato. Comincio a credere di essere affetto da una certa vena masochistica: ultimamente ho la tendenza a pubblicare libri difficilmente inquadrabili e quindi poco agevoli da presentare con le solite frasi di rito. Che, ovviamente, si nutre di suggestioni letterarie.

Kafka, per esempio, ma anche le speculazioni filosofiche di Sartre giocano la loro parte. A tratti nero come la pece. Faccio riferimento a una scrittura volutamente scarna, gergale, a sprazzi ripetitiva, di sicuro sperimentale. Un bravo scrittore sa spaziare sapientemente, anche sul fronte tecnico. Allora, se vogliamo possiamo tirare in ballo il nichilismo di Palahniuk. Casomai degli altri. Ho sempre pensato che fosse meglio perdere qualcuno, piuttosto che impegnarsi per farsi accettare. Sono estremamente comprensiva verso di me.

Qualcuno questo lo chiama egoismo. La sua dote peculiare, probabilmente. Lo so, parlo a titolo personale, ma non dimenticate che: A sono un lettore, B ho troppo rispetto degli altri lettori per prenderli in giro, C non pubblico il primo che capita, e chi mi conosce un minimo lo sa bene. Ora, dal momento che troppo spesso un romanzo risulta interessante ma farraginoso, oppure da leggersi in un fiato ma insipido sul fronte contenutistico, ritengo che la sintesi operata da Lucilla abbia non dico del miracoloso, ma almeno del sorprendente.

Se devo investire risorse, devo essere convinto di quello che faccio. E di quello che dico. Ma i lettori potranno dire la loro solo dopo averlo valutato. E allora consiglio questo libro a tutti. Per prenotare una copia: acquisti casadeisognatori. Roma 1. La serata di presentazione dovrebbe avere inizio attorno alle 20, Lascia il lavoro, ma niente sembra restituirle entusiasmo o prospettarle un vero cambiamento.

Quello sguardo malinconico Manuela non riesce a toglierselo dalla testa. Una girandola di personaggi i cui destini finiscono imprevedibilmente per intrecciarsi. Postato sabato, 5 aprile alle da Nuova uscita, libro di daniela gambino. I lavori dovranno pervenire tassativamente entro il 31 maggio Gli studenti potranno consegnare i loro lavori alla segreteria delle scuole superiori frequentate. Sono spezzoni autentici, con i loro eccessi. Trasmettono una comune ansia di presentare almeno un abbozzo, organizzare un principio di racconto, improvvisare magari un impossibile finale, mettersi sempre in gioco.

Nel profondo. Italo Moscati, scrittore, regista e sceneggiatore. Ha ricevuto diversi premi per cinema e tv, tra cui il St. Placido, Partecipano le autrici Gabriella Rossitto e Mariella Sudano. Letture a cura di Viviana Nevi. Un libro da leggere! Ma… esiste un MA! E talvolta la cura a lui riservata per metterlo ad esempio in contatto, con il mainstream della critica letteraria giornalistica risulta veramente poca cosa. E i premi letterari? Quali sono quei premi che hanno un loro background di tradizione consolidato nel tempo?

E ancora, spesso ci sono singoli che hanno magari delle splendide idee, ma il terrore della pagina bianca li blocca sul nascere. Argento, 5 Lecce redazione editando. Palomar di Anita Piscazzi con degustazione di vini locali. I sogni nel cassetto degli aspiranti scrittori sono spesso destinati a rimanere per sempre nascosti la dove sono stati riposti, magari dopo qualche timido tentativo di trovare una strada per la loro pubblicazione.

I romanzi che supereranno questa lunghezza verranno ignorati. Per il sabato 10 maggio h. Antonella Gianfrancesco, presidente Fidapa, e Giustina de Bartolo, docente di lettere, che effettueranno letture dal libro. Una Puglia diversa, avvincente, incantevole, ma anche la terra che ha dato i natali a personaggi come Mennea o come il mitico Rodolfo Valentino.

Come la battaglia di Canne, leggendario, sanguinosissimo conflitto svoltosi proprio in questa regione tra Cartaginesi e Romani. Antonella Lattanzi Bari, vive e lavora a Roma. Ciao, Gaetano. Lucilla Galanti ha solo 20 anni, e sembra incredibile. Altre invece sono assolutamente terrorizzanti. Vi sono altri personaggi, reali e no, che a mio avviso interpretano un ruolo fortemente simbolico. Verso la fine ero praticamente snervata, stanca ma ammirata di tanta bravura. QUI la presentazione de I Sognatori.

Pineto, operazione di ricerca del sub disperso

Per maggiori informazioni…. Strani i personaggi che popolano questo romanzo. Scappa pure qualche sorriso. Il cane del Saggio personaggio pazzesco si chiama Can e il gatto della protagonista, Gatto fa una brutta fine. La protagonista interroga di continuo la sua parte razionale e irrazionale, si assiste a trasformazioni continue e imprevedibili, in un crescendo di pathos ed esasperazione. Lucilla, qui alla sua opera prima per i tipi de I Sognatori , con Altrove da me pagg.

Un altro mattino denota una giornata di scarsa importanza. Mi spiego meglio. E fin qui, percorrendo le secche del prologo e della prima fase di latenza, il lettore poco propenso a infilarsi nella selva oscura di questa partitura potrebbe osservare che la Galanti sembra continuare a ruotare attorno al suo ombelico. Lentamente le mura di casa si popolano di fantasmi che entrano e escono a loro piacimento; suppellettili e elettrodomestici ingaggiano una sorta di guerra civile decidendo di parteggiare o meno per la loro inquilina.

Ha un bel suono, diceva, quella parola. Magari incontrarne uno. Da segnalare, infine, la splendida copertina di Francesca Santamaria, matita de I Sognatori , qui sicuramente alla sua prova migliore — per il momento. Nasce ControLuce edizioni. Non vede niente. Sandu grida e perdona. Perdona tutto, capisce tutto. Scritto con mano sicura, in uno stile asciutto e oggettivo, che non concede nulla alla retorica, il libro si legge con il fiato sospeso.

Nel corso degli anni Ottanta ha preso parte da protagonista alla grande corrente di rinnovamento della letteratura romena, proponendo una prosa limpida e originale, di forte impegno sperimentale. Per Besa ha pubblicato il romanzo La commissione delle feste Con folle stupore descrive quello che lo scrittore ha vissuto in presa diretta durante gli anni duri della guerra e del dopoguerra inglese, ma anche in quelli della contestazione e del Vietnam, con le ansie, le speranze di quel periodo e le delusioni del decennio successivo.

Fondamentali sono alcuni suoi studi su Milton. Informativa sulla privacy. In relazione agli articoli del D. Postato domenica, 15 giugno alle da Enzo Garofalo. Arriva una mail. Destinatario: un commissario di Perugia. La piccola blogger sta davvero sfidando il regime. Fin qui la notizia. A me sembrava il contrario. Credevo di essere un piccolo Don Chisciotte in lotta contro i veri potenti media che diffondono le finte riforme del sistema cubano. Una Rivoluzione solida e forte, come Castro era solito definirla, non si sarebbe occupata di una piccola blogger, relegandola nel silenzio e mettendola in condizioni di non nuocere.

Parrebbe un buon segno. Non resta che aspettare. Precisamente, a una che mi disgusta parecchio. Mi riferisco ai giudizi squalificanti che Fidel Castro ha espresso su di me nel prologo del libro Fidel, Bolivia y algo mas. Lasciamo a Reinaldo e a Fidel il lancio della discussione. I guappi del mio quartiere sapranno che ho imparato qualcosa da loro!

Questo potrebbe costare uno schiaffo e, nel peggiore dei casi, una pugnalata chiarificatrice. Sono cose da uomini, dice. Grande Yoani… Gordiano Lupi. Ora compie anni il grande Tullio Pinelli, commediografo e sceneggiatore principe di Federico Fellini.